Notizie

Il TAR ha accolto il ricorso dal Movimento Sportivo Popolare (MSP) e di altre associazioni ambientaliste e ha ordinato la sospensione integrale e immediata delle esecuzioni selettive degli ungulati in tutto il Piemonte, anche nelle aziende faunistico venatorie, fino al 4 ottobre. Il 4 ottobre la questione verrà ridiscussa perché il TAR attende documentazione dalla Regione.

Dai boschi dell'acquese, al Palazzo della Regione Piemonte, in Piazza Castello a Torino. Riunite molte associazioni e gruppi animalisti e ambientalisti, coordinate dal comitato "Basta con questa caccia", ieri mattina sul tardi, per protestare contro gli abbattimenti dei caprioli. Dopo quasi un'ora di di slogan al megafono, una delegazione è ricevuta dall'assessore regionale alla Tutela della fauna, Mino Taricco.

I presidi di protesta davanti ai Centri di controllo di Acqui Terme e Ovada proseguono, mattina e sera, per continuare a far presente alla Regione Piemonte che la gente queste stragi non le vuole. I prossimi presidi saranno domani, sabato 2 settembre, mattina (9,30-12,30) e sera (19,30-22,30) a Ovada e Acqui.

Ad agosto, ogni anno, in Italia, iniziano le stragi di "ungulati" (cioè caprioli, daini, cinghiali, ecc.) programmate dalle Province e dalle Regioni, che sono quindi i mandanti, e messe in atto, con gran gioia e tripudio, dai cacciatori, che sono gli esecutori materiali. È ora di ribellarsi!

Tutti gli appelli sono caduti nel vuoto, da oggi si spara, già 30 caprioli sono stati abbattuti nell'Alessandrino. Animalisti nei boschi fin dall'alba guidati da Giovanni Pallotti, coordinatore regionale dell'ENPA, per far scappare i caprioli con rumori emessi da megafoni e per scattare fotografie a quelli abbattuti da mostrare alla gente e da inviare al Presidente del Consiglio Romano Prodi.

Non c'è nulla da fare, gli appelli da tutta Italia e le proposte volte a impedire il massacro dei caprioli, sembrano cadere nel vuoto. Anche le cariche istituzionali che discutono per impedire la carneficina, nei fatti, non riescono a mettersi d'accordo e fanno il gioco dello scaricabarile delle responsabilità. Intanto ieri, martedì 22 agosto si è tenuto in Alessandria un incontro tra le associazioni e i gruppi ambientalisti e animalisti per decidere il da farsi.

Anche quest'anno il nostro piccolo ma tenace gruppo di volontari ha fatto sensibilizzazione pro vegetarismo all'ingresso di due importanti sagre della provincia di Alessandria, quella del "vitello intero" di Orsara Bormida (sabato 12 agosto) e quella dei "salamini d'asino" di Castelferro (da giovedì 17 a domenica 20 agosto), distribuendo oltre duemila volantini.