Notizie

Questi sono i "Giorni della Memoria", memoria di quella immensa tragedia umana chiamata con una parola "Olocausto": lo sterminio di milioni di esseri umani ad opera di altri esseri umani, a causa dell'antisemitismo, del razzismo e nel nome di una razza superiore. Memoria per "non dimenticare" quello che è successo affinché sia un monito per le future generazioni e non abbia mai più a ripetersi. Qualcuno infatti ha scritto che un popolo che perde la memoria della propria storia è destinato a ripetere gli stessi errori del passato.

L'Associazione Donne di Alessandria e il gruppo AgireOra Alessandria organizzano per sabato 24 gennaio dalle ore 15,00 alle 19,00 sotto i portici di Corso Roma, una raccolta di materiale e fondi a favore del gattile di Ozzano dell’Emilia gestito dai volontari dell'associazione "Fratelli di zampa", colpito da rogo doloso dovuto a un grave fatto teppistico.

A livello generale, AgireOra è un nuovo modo di intendere l'animalismo attivo. Ha lo scopo di fornire strumenti affinché ogni singola persona, da sola o in gruppo, possa agire nel modo più efficace possibile per liberare gli animali dai soprusi umani. Ciò viene perseguito diffondendo informazioni, con proteste e boicottaggi, sostenendo e partecipando a campagne e iniziative, ecc.. In Alessandria abbiamo costituito un gruppo AgireOra locale lo scorso 6 giugno, in occasione di una conferenza antivivisezionista del dott. Massimo Tettamanti (la conferenza fu organizzata dall'Associazione Donne di Alessandria).

Domenica 11 gennaio si è svolta una manifestazione di protesta in Piazza Michel ad Alessandria davanti al tendone di Eurocucciolo, mostra-mercato di cuccioli di cane che si è svolta dal 10 all'11 gennaio. Erano presenti volontari delle associazioni LIDA - Lega Italiana per la Difesa degli Animali e ATA - Associazione Tutela Animali, oltre al gruppo AgireOra Alessandria, con striscioni e volantini che invitavano la gente a non comprare animali e a non frequentare queste mostre, diventate in questi anni sempre più diffuse in Italia.

Domenica 14 dicembre, si è svolto in Via Milano ang. Piazza Santo Stefano, un banchetto informativo su varie tematiche: vegetarismo, sfruttamento degli animali nei circhi, pellicce, ma soprattutto vivisezione. In questo periodo le reti Rai ci martellano con la maratona a favore della Fondazione Telethon per raccogliere fondi a sostegno della ricerca sulle malattie genetiche. Quello che nessuno dice è che parte di questi soldi finanzieranno anche esperimenti su animali.

Sabato 1 novembre, Ognissanti, e domenica 2 novembre, Giornata di commemorazione dei defunti, abbiamo voluto ricordare gli animali vittime della vanità umana, quelli catturati in natura o allevati in cattività per l'industria della pelliccia. Uno dei nostri volantini, non si sa come, è giunto alla redazione de IL PICCOLO di Alessandria, e oggi, 3 novembre, il giornale ha pubblicato in prima pagina e come primo articolo, un articolo su questa iniziativa con la foto della prima pagina del volantino. Riportiamo qui il testo.

Questo mese abbiamo organizzato due iniziative di controinformazione, una l'11 ottobre davanti al supermercato Esselunga e l'altra il 26 ottobre in Piazzetta della Lega, sempre ad Alessandria. Le due iniziative aderivano alla campagna informativa denominata "Ricerca senza animali" promossa da LIMAV - Medici Internazionali, e consistevano nell'informare la gente che donando alle associazioni di ricerca medica come AISM e AIRC si finisce con il sostenere anche la vivisezione, perché queste due associazioni finanziano in parte ricerche in cui si pratica la sperimentazione animale.