Notizie

Protocollata stamattina 19 dicembre in Comune una lettera di diffida rivolta al Sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revisgliasco, qualora vengano autorizzati spettacoli pirotecnici in occasione del Capodanno alessandrino, in violazione al Regolamento per la tutela e il benessere degli animali all'Articolo 9 Comma 27.

Sabato 7 dicembre, presso l'Auditorium "San Guido" di Acqui Terme, si è svolta una serata informativa sulle cause alla base della deforestazione amazzonica e sulle sue conseguenze, non solo per la perdita della biodiversità, per gli effetti negativi sul clima, ecc., ma anche dal punto di vista sociale che interessa le popolazioni indigene minacciate dalla deforestazione, e da quello animalista, per lo sfruttamento degli animali per la carne, il latte e la pelle.

Il 2019 verrà probabilmente ricordato come uno degli anni peggiori per l'Amazzonia. A fine agosto sono stati individuati oltre 83 mila incendi, il numero più alto registrato negli ultimi 10 anni. Sabato 7 dicembre a partire dalle 20,45 ad Acqui Terme, presso l'Auditorium "San Guido" in Piazza Duomo 8, torneremo a parlare di foreste e di Amazzonia e dei motivi che stanno dietro questo scempio. Proiezione di due film: "ALMA" di Patrick Rouxel (2010) e "DEFORESTAZIONE MADE IN ITALY" di Francesco De Augustinis (2019). Ingresso libero.

Il primo novembre si è celebrato in tutto il mondo il World Vegan Day, la Giornata Mondiale Vegan, istituita nel 1994 da Louise Wallis per commemorare la nascita della The Vegan Society, la prima associazione vegan, fondata nel Regno Unito da Donald's Watson nel novembre del 1944, durante la guerra. Donald's coniò anche il termine "VEGAN", ottenuto dalla contrazione della parola "VEGetariAN". In Alessandria abbiamo celebrato questa ricorrenza con una mostra fotografica e un banchetto informativo per tutta la giornata.

La pubblicità della carne arriva anche dentro agli ospedali. È il caso dell'Ospedale civile di Alessandria SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo, dove al CUP, in primo piano, è esposta la pubblicità di uno noto rivenditore locale di carne. Sul manifesto, incorniciato dentro una cornice in alluminio, si leggono le varie "specialità": carni bovine fresche di prima scelta; salamini e salsiccia; salumi, formaggi, ecc.. È un po come se in un luogo di cura del cancro ai polmoni venisse appesa la pubblicità (oggi vietata) di qualche nota marca di sigarette. Tralasciando per un momento le ragioni etiche e ambientaliste per scegliere vegan, ci pare davvero incredibile che in un ospedale sia esposta una pubblicità del genere. 

Questa iniziativa era una replica modificata di una iniziativa con lo stesso titolo svoltasi al Museo "C'era una volta" il 28 e 29 aprile 2018, che ottenne una scarsa partecipazione di pubblico. Abbiamo deciso di ripeterla, ma questa volta all'aperto, nella centralissima e pedonale Piazzetta della Lega, sull'onda del successo di una precedente iniziativa, sempre in Piazzetta, sul tema delle deforestazioni, il 18 agosto 2017. L'iniziativa ha ricevuto il Patrocinio della Città di Alessandria, ma neppure stavolta è andata come speravamo.

Lo abbiamo già detto e scritto innumerevoli volte, e continuiamo a farlo: ogni estate è una esplosione di sagre e abbuffate di carne senza ritegno in ogni dove, e di nuovo, quest'anno abbiamo manifestato in due date, il 16 e il 18 agosto, il nostro dissenso davanti l'ingresso della sagra dei salamini d'asino di Castelferro, presa ormai a simbolo di tutte le sagre a base di animali ammazzati della provincia di Alessandria, quest'anno giunta alla 44° edizione.