Notizie

È iniziata in Alessandria, Tortona, Isola Sant'Antonio e Guazzora la campagna pubblicitaria a manifesti "Buona Pasqua" promossa da AgireOra per augurare buona Pasqua a chi non mangerà l'agnello (né carne di altri animali), solo così sarà una Pasqua veramente buona. Una discutibile tradizione produce infatti un incremento vertiginoso delle uccisioni di agnelli e capretti nel periodo pasquale.

Proprio in questi giorni le pecore sono gravide del loro piccolo, che a un mese di vita verrà loro strappato per essere ammazzato. Stiamo valutando la fattibilità di un'affissione ad Alessandria di manifesti grandi su stendardi verticali da 140x200 cm / orizzontali da 200x140 cm nelle due settimane che precedono Pasqua (quest'anno il 16 aprile).

Sabato 17 dicembre e sabato 14 gennaio in Piazzetta della Lega ad Alessandria, due banchetti informativi per un abbigliamento etico, senza cioè l'uccisione di animali per farne pellicce o bordi per cappucci o polsini dei giubbotti. Esposta davanti al banchetto una mostra a pannelli dal titolo "Eleganza criminale" e a lato e sul retro altri pannelli fotografici di animali che ci fissano da dietro le gabbie in cui sono imprigionati.

Come volevasi dimostrare: i botti di Capodanno ci sono stati più che negli anni passati, nonostante i fuochi artificiali organizzati dal Comune di Alessandria, e lo stesso spettacolo pirotecnico del Comune non era affatto "silenzioso" come assicurato giorni prima dall'assessore alla Tutela animali. AgireOra Alessandria, insieme a LAC e Raccolta Alimentare Animali, hanno chiesto la sfiducia del Sindaco e dell'assessore in una lettera qui pubblicata.

Lo scorso 7 dicembre la Giunta Comunale di Alessandria ha autorizzato lo stanziamento di 5000 euro per l'esecuzione di uno spettacolo di fuochi d'artificio nella zona del ponte Tiziano contraddicendo l'Ordinanza permanente 823 e il Regolamento per la tutela e il benessere degli animali dello stesso Comune che vietano l'accensione di fuochi d'artificio a tutela dell'incolumità pubblica e degli animali.

Un pubblico numeroso, quasi esclusivamente composto da attivisti, alcuni venuti da molto lontano appositamente per vedere il film presso il Museo Etnografico "C'era una volta" di Alessandria. Il film ha offerto lo spunto per alcune riflessioni a fine proiezione.

Per celebrare la Giornata Internazionale dei diritti animali, proiezione sabato 10 dicembre alle 21 presso il Museo etnografico "C'era un volta" di Piazza della Gambarina, del film-documentario "Life according to Ohad - La vita secondo Ohad" di Eri Daniel Erlich (Israele, 2014), Vincitore al DocAviv Film Festival (2014) e Menzione Speciale della Giuria nella sezione Concorso Documentari Internazionali del 18° Festival CinemAmbiente di Torino (2015).