Il Comune di Alessandria non si è smentito neppure quest'anno con l'interminabile spettacolo pirotecnico del primo dell'anno che ha terrorizzato gli animali domestici e selvatici lontani e vicini dalla Cittadella di Alessandria da dove venivano sparati. Un comportamento inqualificabile del Comune di Alessandria che non ha rispetto delle sue stesse regole, il divieto assoluto di artifici pirotecnici dalla vigilia di Natale al 6 gennaio, come stabilisce il Regolamento comunale per la tutela e il benessere degli animali.

Abbiamo posto una domanda al Sindaco di Alessandria, vediamo se risponde.

Cambiano le amministrazioni comunali, ma i fuochi pirotecnici di fine anno restano una costante assoluta: nessuna amministrazione della Città di Alessandria rispetta o ha rispettato negli ultimi anni il Regolamento comunale per la tutela e il benessere degli animali. L'art. 9 comma 27 del Regolamento dice che è vietata l'accensione e il lancio di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici dal 24 dicembre al 6 gennaio e il martedì grasso di carnevale di ogni anno. Ma il Comune stesso organizza ogni anno lo spettacolo pirotecnico di capodanno, con botti che sembrano cannonate che spaventano a morte gli animali.

Ogni anno le solite rassicurazioni beffa, che si cercherà di limitare la durata e l'intensità dello spettacolo. A parte il fatto che non è avvenuta nessuna riduzione né della durata né dell'intensità, ma se il Regolamento del Comune dice che l'accensione e il lancio di fuochi di artificio è vietato, è vietato per tutti, anche se qualche amministratore lo considera una tradizione. Anche quest'anno pertanto sfiduciamo questa amministrazione.

Sempre lo stesso Regolamento art. 3 comma 1 dice che il Sindaco, autorità sanitaria comunale, sulla base delle leggi vigenti, assicura la tutela di tutte le specie animali che vivono stabilmente o temporaneamente nel territorio comunale e prosegue nel comma 2 che al Sindaco, in base al D.P.R. 31 marzo 1979, spetta la vigilanza sulla osservanza delle leggi e delle norme relative alla protezione degli animali, nonché l'attuazione delle disposizioni previste dal presente Regolamento anche mediante l'adozione di specifici provvedimenti applicativi. E dunque? Cosa risponde il Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco?

Sezioni di Alessandria
AgireOra, LAC, LAV, Raccolta Alimentare Animali